- - - - -

 

I Martiri di Cernaieto

Sabato 7 Maggio 2016
Ore 11.30
Bosco di Cernaieto Trinità - Casina (Re)


XII COMMEMORAZIONE 

IN MEMORIA DEI
24 CADUTI DI CERNAIETO

 
Era il 23 aprile del 1945, i 24 militi della Guardia Nazionale Repubblicana del presidio di Montecchio (Reggio Emilia), dopo due giorni di battaglia, si fidarono delle parole di don Ennio Caraffi, anche lui ingannato, che portava loro il messaggio dei partigiani: "la resa a patto di aver salva la vita e la condizione di non subire maltrattamenti e percosse". Verso le nove del mattino uscirono da ‘Cà Bedogni’ crivellata di colpi, all’interno dell’abitazione giacevano due ragazzi feriti (gli unici che si sarebbero salvati), due legionari morti, e nello scantinato il cadavere del partigiano Landini, per il quale già da tempo è stata eretta una lapide a ricordo. Il vicecomandante dei partigiani, nonostante la parola data nella trattativa di resa, ordinò che tutti i militi venissero fucilati seduta stante. L’ordine però non venne eseguito per l’intervento di un superiore ed i legionari vennero avviati verso la collina, dalla quale non fecero più ritorno. In collina vi fu un processo sommario dell’ufficio mobile della polizia partigiana e i soldati vennero riconosciuti prigionieri di guerra, in spregio alla convenzione di Ginevra vennero poi massacrati, anche se nel contempo la guerra era terminata. Tra gli uccisi, una donna ed alcuni ragazzini di 16 e 17 anni. (da I MORTI DIMENTICATI)

Autore: Ivaldo Casali
Categoria: Storia
Data: 03-05-2016
Ora: 09:30:00


- Indietro alla pagina precedente   -----------   Ricerca la News

 

- Copyright © 2015 "SCRWEB" web hosting www.scrweb.it -