- - - - -

 

UN 25 APRILE NON ALLINEATO

Un grande successo per la giornata di conferenze non conformi organizzata a Reggio Emilia da Radio Spada, giovane e dinamica realtà associativa cattolica integrale con un blog, 28 libri pubblicati e innumerevoli eventi e conferenze all'attivo nei suoi quasi quattro anni di vita.

 


Presso il pregevole spazio offerto dall'Agriturismo Il Bove (a Sesso) e reso ancor più piacevole dalla fresca giornata di sole primaverile, si sono riunite nel corso della giornata circa 150 persone (90 solo per il pranzo). Dopo i saluti delle associazioni che hanno offerto il loro contributo alla buona riuscita della giornata - Associazione Pietro e Marianna Azzolini, Christus Rex Verona, Edizioni di Ar - la mattinata ha visto un confronto di altissimo livello tra due noti "giganti" della resistenza anticonciliare contemporanea in Italia, moderato da Piergiorgio Seveso: don Floriano Abrahamowicz, sacerdote, e Alessandro Gnocchi, scrittore e giornalista. Il tema di attualità ecclesiale, "La nuova fase della dissoluzione conciliare", è stato affrontato con dolorosa lucidità: sono state sottolineate tutte le più marchiane devianze dalla retta dottrina cattolica avvenute dopo il Concilio Vaticano II e, segnatamente, gli sfacciati cascami modernisti che contraddistinguono il pontificato di Francesco, soprattutto in tema di ecumenismo. Due prospettive diverse - sedevacantista per don Floriano, sedeplenista "sofferta" per Gnocchi - e due soluzioni pertanto divergenti, a partire però da una diagnosi comune di assoluta emergenza: la setta modernista è all'apice della sua forza nel lavorare per distruggere la Chiesa, e non possiamo più permetterci di assistere passivamente a tutto questo.
La ricca sessione pomeridiana è iniziata con un momento teatrale dialogato e tragicomico, affidato alla magistrale interpretazione di Luca Fumagalli e Piergiorgio Seveso, ed è proseguita con la bellissima e profonda conferenza di Domenico Savino (gloria reggiana) introdotto da Andrea Giacobazzi, dal suggestivo titolo "Los von Rom. Percorsi di apostasia da Lutero a Kasper, con interludio nazionalsocialista". Una panoramica diacronica e interdisciplinare tra filosofia, religione e storia, sugli errori dottrinali provenienti dalla Germania a partire dalla rivoluzione protestante e culminati nell'anticattolicesimo nazista.
L'ultimo incontro del pomeriggio è stato appassionato e vibrante, quasi un appello alla Cristianità: "I Papi e l’Islam. Dalla Crociata di riconquista, alla Crociata di difesa… al dialogo interreligioso". Il Professor Massimo Viglione ha fornito un'analisi storica profonda e accorata della necessità politica e teologica della Crociata, da secoli squalificata dall'ignoranza preconcetta (e anticristiana) come arcaico, violento residuo di una esecrabile mentalità "medievale".
Corroborati, tutti i partecipanti hanno cantato insieme, alla chiusura dei lavori, l'inno "Noi vogliam Dio".
La formazione è stata accompagnata, lungo tutto l'arco della giornata, dai fornitissimi banchetti librari (con santini, stampe, oggettistica e gadget) tenuti dalle Edizioni Radio Spada e dal Christus Rex, e dal banco con articoli di antiquariato e prodotti agroalimentari, a cura di Giovanni Lissandrini e Marco Cabrini.
Arrivederci al prossimo anno!

Autore: Cristiana Diletta
Categoria: Cultura
Data: 29-04-2016
Ora: 16:30:00


- Indietro alla pagina precedente   -----------   Ricerca la News

 

- Copyright © 2015 "SCRWEB" web hosting www.scrweb.it -