- - - - -

 

Il Crepato

Il “Leader Minimo” di Fratelli d’Italia (minimo non in senso dimensionale, ma perché caratterizzato dal non aver mai raggiunto il minimo risultato) rompe la sbandierata alleanza elettorale con Forza Italia ed annulla una cena peraltro organizzata in un locale nel suo giorno di chiusura.

 
Le cause di detta rottura? Varie, ma la più gettonata potrebbe essere che i candidati locali di Forza Italia, che hanno retto l’opposizione nell’ultimo quinquennio, non vogliono essere sacrificati in una lista di bandiera, ma hanno stretto accordi politici per candidarsi ad essere un’alternativa alla sinistra. Vera e non sbandierata. Rimasto al palo l’omnicandidato Bizzocchi, dopo essere stato trombato alle politiche, alle regionali, nel suo comune, dopo non aver raggiunto il traguardo minimo alle europee, alle regionali, nel comune capoluogo, nel suo comune, prova ad essere finalmente eletto in una lista di bandiera, candidandosi sindaco a Casina, lui che è di Canossa, insieme alla Lega, con una lista non meglio precisata. Con una scelta di tempo assolutamente inadeguata, con Brescello sciolto per mafia, Pagliani assolto per non aver commesso il fatto, con la destra sugli scudi, anche questa volta, dopo Canossa, Bizzocchi aiuta a vincere il PD per il suo tornaconto elettorale.

Autore: Biro Nera
Categoria: Politica
Data: 28-04-2016
Ora: 17:30:00


- Indietro alla pagina precedente   -----------   Ricerca la News

 

- Copyright © 2015 "SCRWEB" web hosting www.scrweb.it -