- - - - -

 

I CUCCIOLI DI COCCODRILLO

Chissà se le oranti moltitudini di anime pie e belle trovano le motivazioni per continuare anche ora a sproloquiare di accoglienza, integrazione, abbattimento di frontiere e fanfaluche simili; esistono, purtroppo, fondati motivi che inducono ad una risposta affermativa.

 

Questi spiriti misericordiosi e caritatevoli non si accorgono, non vogliono prendere coscienza che è un dato di fatto, certo ed inconfutabile, che per anni l’Europa ha permesso in modo davvero scriteriato che gli pseudo predicatori di un falso dio instillassero il seme dell’odio e della violenza nelle menti buone semplici dei loro accoliti. 
In casa nostra è’ stata consentita e pure in qualche caso perfino incoraggiata l’apertura di quei centri di propaganda dell’odio contro di noi che sono le moschee, luoghi nella maggior parte dei casi non di pace ma di predicazioni farcite di incitamenti alla violenza, di culto della morte per gli altri e per sé stessi in nome di una “religione” e del suo profeta. 
Ora germinano i semi di quell’odio e di quella violenza che non è solo patrimonio di pochi fanatici tagliagole ma è costruita nelle pagine del loro libro, di quel Corano che, a chiare lettere, invoca per chi non cede all’Islam e non si converte o la schiavitù o la morte.
Il Corano contiene almeno 109 versi che chiamano i musulmani alla guerra contro gli infedeli in onore della legge islamica; alcuni sono abbastanza espliciti, con imposizione di tagliare la testa e le dita e uccidere gli infedeli ovunque siano nascosti.
Non esiste tolleranza nel Corano, non ci sono sconti per nessuno; ebrei e cristiani possono anche non convertirsi, basta che si sottomettano e paghino una tassa per poter vivere da sudditi, dhimmi, nelle terre che furono loro; per gli altri esistono solo la conversione o la morte.
Le nostre vite non valgono nulla, sono sacrifici da offrire al parto della fantasia di Maometto che aveva bisogno di un pretesto per galvanizzare i barbari arabi ad unirsi e poter così conquistare le terre fertili che si affacciavano sul Mediterraneo e poi più oltre ancora, per prendersi tutto il mondo, distruggere ogni diversità e costituire il califfato eterno, una terra sottomessa alla legge della sharia.
Inutile cercare il dialogo con i moderati dell’islam perché essi non riescono, non possono imporsi ai fanatici; non rimane allora che chiudere le moschee dove si predica la violenza, scacciare i predicatori di odio e mettere al bando l’ideologia islamica in quanto si tratta di una ideologia criminale come lo fu il nazismo. 
Tenerseli in casa è come quando, negli anni settanta, qualche idiota aveva cominciato a vendere nei negozi di animali dei cuccioli di coccodrillo; da piccoli fanno tenerezza, ma poi crescono e diventano dei mostri assassini.

Autore: Paolo Comastri
Categoria: Cultura
Data: 05-04-2016
Ora: 11:00:00


- Indietro alla pagina precedente   -----------   Ricerca la News

 

- Copyright © 2015 "SCRWEB" web hosting www.scrweb.it -